Il “Discorso ad un bambino” e il disegno di un bambino

8 comments

E’ il manifesto di libertà che più mi ha insegnato prima come bambino, poi come educatore professionale tra i bambini ed i ragazzi con disabilità mentali (si vabbè, diversamente abili) istituzionalizzati. Ricordo il “Discorso ad un bambino” e il suo autore Marcello Bernardi  a 5 anni dalla scomparsa (gennaio 2001). E allego il primo ritratto che Tommaso si è fatto e ci ha fatto, binomio che racchiude in sè tutta la mia gioiosa sorpresa e la mia gratitudine.

 

 

DISCORSO AD UN BAMBINO
(di Marcello Bernardi, pediatra e pedagogista)
Se ti dicono sempre che sei BRAVO, sta in guardia qualcuno cercherà di sfruttarti
Se ti dicono sempre che sei INTELLIGENTE, sta in guardia qualcuno cercherà di eliminarti
Se ti dicono sempre che sei OBBEDIENTE, sta in guardia qualcuno cercherà di farti schiavo
Se ti dicono sempre che sei BUONO, sta in guardia qualcuno cercherà di opprimerti
Ma se ti dicono STUDIA, non temere: tu potrai fare un mondo senza scuole
se ti dicono TACI, non temere: tu potrai fare un mondo senza bavagli
se ti dicono OBBEDISCI, non temere: tu potrai fare un mondo senza padroni
se ti dicono CHIEDI PERDONO, non temere: tu potrai fare un mondo senza inferni
Non credere a chi ti comanda, a chi ti punisce, a chi ti ammaestra, a chi ti insulta, a chi ti deride, a chi ti lusinga, a chi ti inganna, a chi ti disprezza essi non sanno che tu sei ancora un UOMO LIBERO

Written by Mauro Biani

gennaio 29th, 2006 at 2:52 am

8 Responses to 'Il “Discorso ad un bambino” e il disegno di un bambino'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'Il “Discorso ad un bambino” e il disegno di un bambino'.

  1. non è possibile aggiungere nulla a questo post, ti lascio un ciao in punta di penna

    palommellarossa

    29 Gen 06 at 11:16

  2. Già…andrebbe spedito alla Moratti. Una scuola di qualità deve garantire ai bambini e ai giovani l’espressione di se stessi, in quanto persone libere. Ai nostri figli e agli alunni va insegnato che ai doveri si ottempera non per costrizione, ma per scelta di vita…e che si diventa più consapevoli dei propri diritti (fino a difenderli ad oltranza)solo esercitandoli in una comunità di uguali, dove il diverso è un valore aggiunto, non un estraneo da temere e sfuggire!

    theobserver

    29 Gen 06 at 11:17

  3. ciao, l’argomento mi interessa molto, il “discorso ad un bambino” poi è stupendo; il link purtroppo non funziona. ciao!

    golem79

    29 Gen 06 at 11:17

  4. Non credere a chi ti comanda, a chi ti punisce, a chi ti ammaestra, a chi ti insulta, a chi ti deride, a chi ti lusinga, a chi ti inganna, a chi ti disprezza essi non sanno che tu sei ancora un UOMO LIBERO

    amen.

    Riuscirò mai ad essere un’educatrice capace di trattare gli altri come uomini liberi?

    E’una bella sfida…:)

    un abbraccio.

    s.

    Silvia83

    30 Gen 06 at 01:33

  5. si vede che Tommaso ha preso dal papà 🙂

    saluti, mau.

    Euridicea

    30 Gen 06 at 18:01

  6. bellissimo

    ricordo di aver letto molto articoli di Marcello Bernardi quando i miei figli erano piccoli

    buona settimana

    daisi

    daisi

    30 Gen 06 at 19:08

  7. Questo testo ha segnato profondamente troppe poche persone, credo. 🙂

    Sono felice che ti ancora di ispirazione e – ne sono convinto – conforto anche nel tuo lavoro di oggi.

    utente anonimo

    16 Lug 09 at 22:51

  8. […] 2 post in uno. Innanzitutto niente di meglio di Marcello Bernardi con disegnuccio accanto, per “inaugurare” la mia nuova stanzuccia in quel del Centro […]

Leave a Reply

*