“E non ho altro da dire su questa faccenda”

2 comments

Oggi, per il manifesto.

O.t. manco tanto: Il Baobab ha salvato l’onore di Roma. Coi tanti (Volontari) romani (e non solo) che hanno contribuito a rendere un servizio civile (proprio letteralmente) a migliaia di persone migranti, accolte, assistite, e magari tolte dalla strada dell’emarginazione e dello sfruttamento, financo criminale. Questo già basterebbe per una “medaglia”, un’attenzione grata delle Istituzioni che latitano (quando non criminalizzano), per cecità, burocrazia, elettoralismi. Invece li Sgomberano e basta da via Cupa (2015). Baobab continua a NON fregarsene e cambiano posto: sono nel presidio mobile (in piazza Maslax). La vergogna di Comune, Prefettura e Municipio, sempre non pervenuta. Ora (ora) hanno ricevuto minacce nazi-fasciste (scritte e “visite” con minacce di morte e “puttana” ad un’attivista). Cosa si aspetta a dare risposte istituzionali? Un luogo Riconosciuto e protetto? Attendiamo l’ennesimo raid nazi-fascista?

Written by Mauro Biani

febbraio 22nd, 2018 at 12:01 am

2 Responses to '“E non ho altro da dire su questa faccenda”'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to '“E non ho altro da dire su questa faccenda”'.

  1. […] può spiegare una vignetta? Si, ma solo con un pamphlet di 112 pagine e solo Michela Murgia. È quello che fa con il suo nuovo […]

  2. […] può spiegare una vignetta? Si, ma solo con un pamphlet di 112 pagine e solo Michela Murgia. È quello che fa con il suo nuovo […]

Leave a Reply

*