Archive for the ‘roma’ tag

Marcia su Roma. Non è pe’ cattiveria

leave a comment

Prrrrrrrrrrr. Oggi dal manifesto.

Written by Mauro Biani

settembre 7th, 2017 at 12:01 am

Tenerezza

leave a comment

La carezza. Oggi per il manifesto.

Written by Mauro Biani

agosto 26th, 2017 at 12:04 am

Casa

leave a comment

La vergogna di razza. Oggi per il manifesto.

Written by Mauro Biani

agosto 25th, 2017 at 12:13 am

La paura/3

leave a comment

Roma, sgomberi. Oggi per il manifesto.
Per dirla con il deputato Pd, Luigi Manconi, “interi nuclei familiari, regolarmente residenti nel nostro Paese e per le quali, evidentemente, una città come Roma, con tre milioni di abitanti, non è stata in grado di trovare una più dignitosa collocazione“.

Written by Mauro Biani

agosto 20th, 2017 at 12:02 am

Fontane e siccità

leave a comment

Fuoco, fuochino, Acqua. Oggi per il manifesto.

Written by Mauro Biani

luglio 23rd, 2017 at 12:19 am

Non-mafia capitale

leave a comment

La sentenza. Oggi per il manifesto.

Written by Mauro Biani

luglio 21st, 2017 at 12:19 am

Lega romana

leave a comment

Ben triste destino quello di chi nasce comico, satirico e finisce col medioevo delle paure.
Oggi per il manifesto.

Written by Mauro Biani

giugno 15th, 2017 at 10:33 pm

Fratelli d’Italia

leave a comment

Ieri bellissime manifestazioni di pace. Qui alcune foto da Reggio Emilia a Roma.

Written by Mauro Biani

giugno 3rd, 2017 at 12:06 am

E mo?

one comment

Ognuno ha le sue crisi d’identità. E l’età e il censo non contano.
Daje Francè, su. La vignetta per il manifesto.

Written by Mauro Biani

maggio 30th, 2017 at 12:01 am

Sgomberi e deserti

leave a comment

Baobab. La vignetta per il manifesto. Scrive Alessandro Capriccioli: “Insomma, a quanto pare in una città di 3 milioni di abitanti (esclusi quelli che ci vivono senza averci spostato la residenza), che si estende su una superficie di 1.300 chilometri quadrati, non si riesce a trovare il posto per accogliere 130 profughi. Al punto che li si abbandona a dormire per strada e poi si ingaggia un irriducibile braccio di ferro con cui li si sgombera (come se potessero sparire nel nulla), li si lascia qualche giorno nel nuovo posto in cui si accampano, li si risgombera, si aspetta ancora qualche giorno finché si sistemano altrove, li si risgombera da capo e così via, all’infinito e senza soluzione di continuità. Per mesi. 3 milioni di abitanti. 1.300 chilometri quadrati. 130 persone. Profughi. Mi sto convincendo che non si tratti neppure di un problema politico. Ma cognitivo. Grave.

Written by Mauro Biani

maggio 20th, 2017 at 12:38 pm