Archive for the ‘feltrinelli’ tag

Banalità del ma, l’esposizione per le Feltrinelli, da Napoli / Passaggi Festival a Fano

leave a comment

Vademecum. Mentre è iniziato alla Feltrinelli di Napoli il tour dell’esposizione delle mie tavole tratte da “la banalità del ma”, è cominciata oggi a Fano la VII edizione di Passaggi Festival, la più grande manifestazione dedicata ai libri dell’estate italiana. In questa cornice è stata inaugurata un’altra mia esposizione: “Illustrazioni e disegni del vignettista del Manifesto e dell’Espresso Mauro Biani, ospite d’onore del Festival, dedicate a Giulio Regeni, in una mostra dal titolo “Le nostre libertà”, evento frutto della collaborazione tra Passaggi, Fondazione Musica per Roma e “Libri Come, Festa del libro”. ” Domenica 30 giugno poi presenterò “La banalità del ma”, alle ore 19.00, nel palco del Pincio. Conversando con Giorgio Santelli (Rainews24) e con il direttore di Rai Radio 3 Marino Sinibaldi.

Written by Mauro Biani

Giugno 25th, 2019 at 12:06 am

La banalità del ma. La prima presentazione. Roma. La Feltrinelli, Galleria Alberto Sordi.

leave a comment

Written by Mauro Biani

Marzo 8th, 2019 at 9:05 pm

Migrante breve / “Come una specie di sorriso” diventa libro e cofanetto per Stampa Alternativa

leave a comment

La vignetta oggi su Liberazione.

Invece il pezzo sortito su La Repubblica delle Donne con La Repubblica di sabato 21, mi dà l’occasione per segnalare che è uscito per Stampa Alternativa il cofanetto+libro di 32 pag, contenente inoltre le 15 stampe (qui formato cartolina) della mostra: "Come una specie di sorriso", che ha già "toccato" le Feltrinelli di Roma, Bologna, Padova, Bari ed ora è a Firenze. Andrà poi a Milano per poi chiudere a Genova (ma forse prima passerà anche da Napoli e Palermo, vedremo). Il cofanetto è curato dall’instancabile Nicola Cirillo ed è già disponibile nelle librerie e on line, naturalmente.

Written by Mauro Biani

Novembre 24th, 2009 at 12:39 am

Inaugurazione

leave a comment

E così ieri si è aperta “Come una specie di sorriso”, la mostra di mie illustrazioni e vignette sulle canzoni di Fabrizio De Andrè e sui suoi personaggi. Bello. L’allestimento semplice; il luogo della libreria Feltrinelli: la sala e il corridoio per gli “eventi” posto vicino alla sezione “filosofia e antropologia”; di conseguenza bello il chiasso dei giochi dei bambini (di amici e parenti visitanti) tra i lettori di filosofie e antropologie e i miei disegni; bellissima la presenza di tanti amici e passanti e ripassanti alla “prima”, che ringrazio davvero tutti. Un ringraziamento speciale va a Rossella di “Feltrinelli” (da Milano) e a Nicola (da Firenze) che mi hanno proposto “l’impresa”. Nicola poi, oltre ad essere un riferimento sempre presente ed attento, ha voluto esserci anche ieri.
Compatibilmente con le esigenze della mostra spero di pubblicare tra un po’ anche in rete, le illustrazioni in esposizione. Ricordo, infine, che la mostra sarà itinerante: le quindici tavole sono esposte in esclusiva da ieri fino al 31 gennaio presso la Libreria Feltrinelli della Galleria Colonna a Roma, ma nel corso del 2009 occuperanno gli spazi espositivi delle principali Librerie Feltrinelli (tra cui Bologna, Milano, Firenze), con un calendario che è in via di definizione.

Written by Mauro Biani

Gennaio 12th, 2009 at 8:49 am

Come una specie di sorriso (Biani legge De Andrè)

leave a comment


Clicca sull’immagine per scaricare il pdf del comunicato-manifesto della mostra

Il tra-parentesi del titolo del post è dell’amico burlone Sahishin. La verità è che è stato davvero bello cimentarmi. E se qualcuno tra i passanti e ripassanti vorrà passare alla "Feltrinelli" di Galleria Colonna a vedere la mostra ne sarò ben felice. Io ci sarò sicuramente nel pomeriggio di domenica 11. Di seguito un articolo-presentazione della mostra (preso da qui).
Le canzoni di Faber diventano vignette. Si intitola "Come una specie di sorriso" la mostra di disegni con cui Mauro Biani, vignettista di "Liberazione", omaggia Fabrizio De André in occasione del decennale della sua morte. Il vignettista racconta l’attualità dell’opera del grande cantautore italiano attraverso una sua interpretazione poetica e commovente: c’è Bocca di rosa che precede la vergine in processione, anziché seguirla, Prinçesa col Brasile in testa, un Michè impiccato in un CPT, Andrea imprigionato dal ricordo del suo amato e poi Piero, Nina, Marinella e gli altri personaggi che Fabrizio De André ci ha fatto amare attraverso i suoi versi e la sua voce. Acquistano nuova visibilità anche gli anti-eroi comprimari, già accennati da De André, oppure totalmente inventati dalla matita del vignettista: Read the rest of this entry »

Written by Mauro Biani

Gennaio 8th, 2009 at 8:31 am