Archive for the ‘azione nonviolenta’ tag

Giornata internazionale della Nonviolenza

leave a comment

“Se non avessi il senso dell’umorismo, mi sarei suicidato da un pezzo” (M.K. Gandhi, dalla sua Autobiografia).

Written by Mauro Biani

ottobre 2nd, 2017 at 11:57 pm

L’elogio dei disertori

leave a comment

chaplin-azione-nonviolenta

Ieri, il 4 novembre. La mia vignetta per Azione nonviolenta. L’editoriale di Mao Valpiana.

Written by Mauro Biani

novembre 5th, 2015 at 12:12 am

4 novembre

leave a comment

soldato-bandiera-pace-4-novembre-il-manifesto4 novembre dell’inutile strage. La vignetta di oggi per il manifesto.

Written by Mauro Biani

novembre 5th, 2014 at 12:01 am

Liberazione

leave a comment

25-aprile-arena-di-pace-e-disarmo-il-manifesto
Un 25 Aprile dedicato alla memoria della Liberazione, quella dai nazi-fascisti, e a un progetto mondiale di libertà dalle armi e dalla violenza, che nasca dal basso, dalla volontà della gente di ripudiare l’uso delle armi e di prevaricazione per risolvere questioni tra Stati o tra gruppi.Arena di Pace e Disarmo. La vignetta oggi per il manifesto.

Written by Mauro Biani

aprile 25th, 2014 at 12:04 am

Arena di Pace e Disarmo

leave a comment

azione-nonviolenta-cover-arena
Oggi a Roma, in Campidoglio, la presentazione di Arena di Pace e Disarmo.
Ero lì, con Mao Valpiana e Alex Zanotelli.

Written by Mauro Biani

aprile 16th, 2014 at 11:07 pm

Lampedusa: volenterosi carnefici

leave a comment

azione-nonvio-i-siciliani

Con due miei disegni in cover, sono usciti i numeri di novembre di Azione Nonviolenta e de I Siciliani giovani.
C’è un filo, tra i tanti, che stavolta unisce le due riviste: la tragedia dei migranti a Lampedusa. Riporto l’articolo di Riccardo Orioles uscito, oltre che su I Siciliani,  anche sul suo blog ne il Fatto Quotidiano. “Il primo Campo di Concentrazione tedesco fu aperto a Dachau mercoledì 22 marzo 1933. “Abbiamo preso questa decisione – annunciò il capo della polizia Himmler – per la tranquillità del popolo e secondo il suo desiderio”. Vi venivano rinchiusi, senza processo, mendicanti, vagabondi, zingari, oppositori, omosessuali e altri “elementi asociali”, e poi persone considerate dalle autorità e da gran parte della popolazione non del tutto appartenenti alla razza umana: ebrei, polacchi, russi, rom, slavi. (…)  (Continua la lettura dell’articolo).

Written by Mauro Biani

novembre 19th, 2013 at 6:18 pm

Intermezzo. La storia di Narges Mohammadi

leave a comment

Sono molto contento di collaborare, ormai da tanti anni, con Azione nonviolenta, rivista mensile del Movimento nonviolento, una delle principali associazioni italiane che promuove la nonviolenza nello spirito gandhiano. L’associazione è stata fondata da Aldo Capitini nel 1964. Lillustrazione quissù (che uscirà sul numero di giugno) è stata realizzata in occasione del premio internazionale Alexander Langer 2009. Il Comitato scientifico e di garanzia della Fondazione Alex Langer, ha difatti deciso di attribuire il premio, messo a disposizione dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Bolzano, a Narges Mohammadi, iraniana, giornalista, vicepresidente e portavoce del Centro dei difensori dei diritti umani e presidente del comitato esecutivo del Consiglio Nazionale della pace. Read the rest of this entry »

Written by Mauro Biani

maggio 28th, 2009 at 12:23 am

Azione nonviolenta: Gandhi e l’informazione nonviolenta

leave a comment

 

60 anni dalla morte di Gandhi. Azione Nonviolenta (con grafica rinnovata e in quarta di copertina una mia vignetta-rubrica) dedica il numero di gennaio/febbraio al giornalismo e nonviolenza, alla forza delle parole. Riprendo qui dal numero in questione, l’intervento di Nanni Salio (Centro Studi Sereno Regis, Movimento Nonviolento, Torino): Dal trasmettere al comunicare, l’informazione nonviolenta nella vita di tutti giorni.
Molti di noi ricordano lo spot televisivo realizzato da Spike Lee per la Telecom, in cui si vede Gandhi che parla a una immensa folla. Dal suo discorso è stato tratto il seguente messaggio, peraltro lievemente ma significativamente modificato: “Se volete dare un messaggio, deve essere un messaggio di amore, deve essere un messaggio di verità. Voglio catturare i vostri cuori. Fate battere i vostri cuori all’unisono con quello che dico. Ieri un amico mi ha chiesto se credessi davvero in un mondo unito. Come potrei fare altrimenti? Certo che credo in un mondo unito". In questo testo sono state omesse due semplici paroline. Read the rest of this entry »

Written by Mauro Biani

febbraio 11th, 2008 at 8:52 pm