Evviva: lavoro vs altri diritti

12 comments


A Pomigliano hanno firmato l'accordo separato. Fiat con Fim, Uilm, Fismic e Ugl. Vergogna.
La vignetta oggi su Liberazione.
Segnalo a tal proposito anche il pezzo di U. Acquaviva su Mamma!
"Attentato alla Costituzione: il golpe eversivo della Fiat"

Written by Mauro Biani

16 Giugno, 2010 at 12:01 am

12 Responses to 'Evviva: lavoro vs altri diritti'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'Evviva: lavoro vs altri diritti'.

  1. Marchionne ha fatto  scuola dal berlusca

    utente anonimo

    16 Giu 10 at 20:34

  2. continuate, ho capitalisti, siete sulla buona strada, cosi potrete generare una nuova stirpe di comunisti. A tutto c'è un limite, ma voi e la vostra ingordigia non avete limiti e purtroppo succederà, come alla fine degli anni 60

    utente anonimo

    16 Giu 10 at 21:45

  3. Io invece continuo imperterrito a sperare in una nuova stirpe di gente che finalmente ragioni, e ragioni con la propria testa, capendo che è puro, intelligente egoismo lavorare affinchè il proprio "vicino" non stia così di merda e disperato, da essere pronto a tutto per difendere la propria esistenza. Chi riduce così l'uomo è lui sì preda di un'ideologia perversa e cieca.
    M.

    broiolo

    16 Giu 10 at 22:38

  4. A questi porci non gli basta più guadagnare, ma bensì vogliono straguadagnare sfruttando il prossimo schiavizzandolo coaudiuvati da certi pseudo sindacalisti che fanno di tutto meno che tutelare i lavoratori. Lavoratori sveglia valutate bene chi vi tutela visto che li mantenete voi con le vostre deleghe mentre loro svendono i vostri diritti accquisiti  a suon di sacrifici !!!!!!!!!!!!

    utente anonimo

    16 Giu 10 at 22:46

  5. politica da far vergogna!! Ma sarà la vostra fine….

    utente anonimo

    16 Giu 10 at 23:07

  6. Non so piu come la gente pensa, come medita e come pensa di poter approvare o meno l'operato di chi ci governa.Pare che buona parte degli Italiani sia con il Premier.Quest'ultimo ed il suo governo sin dal suo insediamento non ha pensato ad altro che ai vari: lodo Alfano, DDL sulle intercettazioni  ecc. ecc..Ma il popolo Italiano ha mai ascoltato dai mass media che il governo attuale abbia svolto attività verso i disoccupati(crescenti in Italia), verso i cassintegrati, verso i precari della Scuola e di altri settori, verso i ricercatori in continua lotta con se stessi, verso la Scuola pubblica che va a rotoli, verso il divario o forbice che si è creata e continua ad alimentarsi fra il ceto medio-basso e medio-alto in tutta Italia;si è mai preoccupato della popolazione che è agli estremi di sopravvivenza (ci sono molte famiglie  che non riecono a comprare neanche il pane quotidiano per via dello status di disoccupazione ecc. ecc.).Quante altre cose ci sono a cui il governo avrebbe dovuto provvedere per il benessere del popolo ed a cui non ha adempito.???.Tante.
    Medita e si consuma, ineve quotidianamente, come mettere a posto le carte per non finire in galera chi  di reati ne ha commessi a dismisura, strafegandosene di tutti i problemi delle gente comune e per cui si trovano ad amministrare.Gente, vi chiamo tale e tale mi sento io, meditate e di qualunque corrente politica siate, a meno che per via di questo andazzo voi ve ne giovate,  cerchiamo di ribellarci senonaltro per un mondo migliore per i nostri figli mandando a casa tutti questi "fregoni" che tali sono.Solo il voto è nelle nostre mani, meditate.

    utente anonimo

    16 Giu 10 at 23:14

  7. le crisi sono create ad arte per porre i lavoratori in concorrenza fra di loro. Infatti oggi la concorrenza non è tra le aziende come dovrebbe indicare il vebrunmercato, ma fra l'operaio italiano pagato 20 euro l'ora e l'operaio polacco che prende 3 euro l'ora. E il ricatto si perpetua. Lavoratori del mondo unitevi.

    utente anonimo

    17 Giu 10 at 00:18

  8.  gente svegliatevi e difendete il diritto sacrosanto sul lavoro , io da bambino ho visto centinaia di persone che per lavorare nei campi un solo mese ( MIETERE IL GRANO ) si spostavano anche da regione a regione e la sera dormivano nelle piazze cittadine in terra , poi la mattina presto passavano i padroni terrieri e scieglievano chi prendere e chi no , quindi attenzione che l'andazzo dei nuovi industriali e' di tornare a quella triste realta' …difendete i vostri diritti col voto e con le proteste , per voi e i vostri figli.

    utente anonimo

    17 Giu 10 at 12:31


  9. Lavoro da 20 anni e ho fatto fino ad oggi meno di 10 giorni di malattia.

    Per me se la Fiat porta tutto all'estero ha ragione.

    utente anonimo

    17 Giu 10 at 13:14

  10. 25.000 operai italiani distribuiti in 5 stabilimenti producono in un anno 6,000 automobili. le stresse prodotte da 6,000 operai polacchi in un anno ed in un unico stabilimento. Al  lavoro teppaglia!

    gianf

    utente anonimo

    17 Giu 10 at 19:10

  11. Per Gianf delle 20:10 del 17.06.2010.
    Il tuo commento potrebbe essere opportuno se non si valuta il fatto che di quelle auto prodotte altrove non si verificasse il fatto che le stesse cadenzialmente venissero richiamate nelle concessionarie per verifiche e sostituzioni varie con nel contempo arrecano danno a chi le stesse le compera.Dovresti, invece, annoverare il lavoro serio degli italiani se tale sei ma penso di no per chiamare i yuoi connanzzionali TEPPAGLIA.
    Tale, magari, sarai tu che da come ti esprimi sarai sicuramente un figlio di PAPA e comunque un vagabondo che non fa un C…o di niente dalla mattina alla sera e se invece vuoi ti faccio venire nella mia azienda a raccogliere i covoni, magari con una frusta che ti sfasci la schiena se non lavori come dovuto str..o che non sei altro.VERGOGNATI serpe strisciante e velenosa.

    utente anonimo

    17 Giu 10 at 23:38

  12. Non faccio niente? ma come si permette  io sono un finto  avvocato.
    Che poi aveva iniziato bene, argomentando patriotticamente  poi si è adirato lanciando la proposta di venire a raccogliere i covoni nella sua azienda che  in periodo di vacche magre come questo, frustate o no, è  pure da prendere in seria considerazione. comunque non si scaldi troppo per la teppa di Pomigliano. in gran parte assenteista cronica e doppio lavorista
     
    gianf  the snake

    utente anonimo

    18 Giu 10 at 13:33

Leave a Reply

*