Ricominciare a parlare alle masse

leave a comment


Intanto cominciamo col tradurre la vignetta: notizia 1notizia 2

Rappello inoltre che stamattina con Emme allegato a LUnità, esce il terzo "grafic giurnalism ofstrit", ossia una intercettazione (rigorosamente vera) di strada che stavolta si trasferisce sulla spiaggia di Follonica per raccontare attraverso un fumetto (a tutta pagina) l’incontro con un omone migrante senegalese venditore di libri (ne accennavo qui). Non perdete Emme 44, solo oggi con lUnità.

Written by Mauro Biani

luglio 28th, 2008 at 1:21 am

No Responses to 'Ricominciare a parlare alle masse'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'Ricominciare a parlare alle masse'.

  1. Ciao Mauro,

    volevo farti i complimenti, oltre che per il tuo lavoro in generale, in particolare per la tua splendida pagina su Emme di oggi.

    Marcello

    utente anonimo

    28 Lug 08 at 08:21

  2. L’ operaio medio visto da sinistra

    non è un bel vedere.

    L’immagine di un essere subumano cresciuto a tv e, probabilmente, gazzetta dello sport spiega più di 1000 trattati la crisi interiore della sinistra italica.

    Dr. Gianfreud

    utente anonimo

    28 Lug 08 at 10:08

  3. Beh, ieri su Liberazione c’era Scalzone che esultava per Contrada fuori dalla galera. Libertario, secondo lui. Ma quando crescono?

    riccardo

    utente anonimo

    28 Lug 08 at 11:19

  4. ma esistono ancora quelli di Rifondazione Comunista ? Siiiiiii ma non se ne sentiva certamente la mancanza ne di loro e ne di Pannella con i suoi digiuni del cazzo.Abbiamo bisogno di gente che fa le cose no che dice che farà!

    utente anonimo

    28 Lug 08 at 12:07

  5. Ooooh! finalmente, vediamo la realtà per quella che è!, gli italiani di questo pezzo di terra meritano il governo vigente. Credo di far parte della generazione più insulsa di tutti i tempi, siamo ignoranti siamo ignoranti siamo ignoranti siamo ignoranti, ignoriamo non solo il presente, ma cosa ancor più brutta ignoriamo il passato, non abbiamo memoria storica, siamo un gregge di pecore vestiti da operai ed impiegati, anzichè, ricordarci degli sbagli fatti in passato, riusciamo a spazzar tutto via grazie ad un posto di lavoro in uno dei carrozzoni statali post elezioni, e poi paghiamo, è nel ns. dna, è inutile prendere come esempio i modelli nordici, la tv è solo uno strumento, siamo noi che non abbiamo cultura in niente, nemmeno nel guarda il sole al tramonto.

    utente anonimo

    28 Lug 08 at 12:55

  6. la cosa più imbarazzante, ma veramente imbarazzante è che parlo con 40/50enni che sono realmente convinti che a Napoli la crisi immondizia non ci sia più, ma porca eva non pensi che vedere il TG4 (pensando al suo P.R.) sia un insulto a te stesso, a te stesso.

    utente anonimo

    28 Lug 08 at 13:13

  7. Gianfreud un cazzo, nun ci capisti gnente,

    la critica della vignetta (correggimi mauro se sbaglio) non è tanto all’operaio, quanto alla comunicazione di rifondazione comunista e alla comprensione della società. Perciò in quanto a comunicazione e comprensione della società, meglio 1 luxuria che 500 vendola ferrero (per non parlare de quelli marxistileninistiernestisti molto-tristi).

    How.

    utente anonimo

    28 Lug 08 at 16:40

  8. http://dalle

    [..] Nella mia assoluta ingenuità non riuscivo a capire perché quelli di Rifondazione si accanissero nel voler tenere in vita un partito che non esiste più e che non ha nessuna ragione di esistere. Non capivo nemmeno la lotta all’ultimo [..]

    dalle8alle5

    28 Lug 08 at 16:56

  9. Ricominciare a parlare alle masse

    [..] E’ una vignetta che Mauro Biani ha disegnato qualche tempo fa ma mi sembra sempre più attualissima. [..]

    michelavitturi

    22 Gen 09 at 16:39

Leave a Reply

*