Emme 22 e poi: “Si può fare”, parola di Veltroni

leave a comment

 

Oggi in edicola Emme 22 con LUnità (con 2 mie vigne). Poi un piccolo cadeau per i gentili passanti e ripassanti: clicca sul telecomandino sotto per ascoltare un brano del discorso di Veltroni.

Written by Mauro Biani

Febbraio 18th, 2008 at 6:53 pm

No Responses to 'Emme 22 e poi: “Si può fare”, parola di Veltroni'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'Emme 22 e poi: “Si può fare”, parola di Veltroni'.

  1. in realtà Veltroni ha copiato Branduardi!!

    http://www.angelo-branduardi.com/si-puo-fare.htm

    Angelo fatti dare la SIAE !!

    Sioux

    19 Feb 08 at 01:47

  2. in realtà ha copiato adinolfi…

    tabagista1986

    19 Feb 08 at 18:44

  3. Cercavo un vignetta che accompagnasse il mio post, ho trovato il tuo blog.

    Beh, dirti che sei bravo sarà scontato ma è la verità.

    ps: posso usare una tua vignetta (del 2004) per il mio post? Grazie

    perlasmarrita

    19 Feb 08 at 19:20

  4. No va be, questa col doc frankensteen (come lo chiama (a)Igor è fantastica!!!!

    Una vera genialata!

    Compliments.

    Il fratellino.

    utente anonimo

    20 Feb 08 at 11:46

  5. riconosco il sottoscritto nel carabiniere inquisitore. Stiamo valutando eventuali denunce per abuso d’immagine.

    maresciallo2008

    20 Feb 08 at 19:17

  6. WalVelt Revolver. La faccia dell’assassino c’è…

    frank87ba

    21 Feb 08 at 13:27

  7. Con il ritiro a miglior vecchiaia di Castro, scompare un’altra bandiera del comunismo internazionale. Per il bene dei cubani c’è da augurarsi che questo porti, a breve termine, alla fine del regime, con il suo terrore imposto, il suo totalitarismo culturale, il suo dirigismo economico.

    Comunque, un altro araldo della falce e martello scompare dalla circolazione. Da noi la falce e martello comincia ad essere un segno non più presentabile. La Sinistra Arcobaleno, che raduna gli ex di Rifondazione Comunista, ha scelto il più tranquillizzante e colorato arcobaleno.

    A qualcuno sembrerà un ritorno al simbolo biblico della pacificazione tra Dio e l’uomo. In realtà non è affatto così. E’ piuttosto il simbolo del nuovo nichilismo, dell’individualismo e del relativismo imperante. Direi che non esiste niente di più lontano dall’arcobaleno di Noè.

    utente anonimo

    23 Feb 08 at 17:32

Leave a Reply

*