Azione nonviolenta: Gandhi e l’informazione nonviolenta

leave a comment

 

60 anni dalla morte di Gandhi. Azione Nonviolenta (con grafica rinnovata e in quarta di copertina una mia vignetta-rubrica) dedica il numero di gennaio/febbraio al giornalismo e nonviolenza, alla forza delle parole. Riprendo qui dal numero in questione, l’intervento di Nanni Salio (Centro Studi Sereno Regis, Movimento Nonviolento, Torino): Dal trasmettere al comunicare, l’informazione nonviolenta nella vita di tutti giorni.
Molti di noi ricordano lo spot televisivo realizzato da Spike Lee per la Telecom, in cui si vede Gandhi che parla a una immensa folla. Dal suo discorso è stato tratto il seguente messaggio, peraltro lievemente ma significativamente modificato: “Se volete dare un messaggio, deve essere un messaggio di amore, deve essere un messaggio di verità. Voglio catturare i vostri cuori. Fate battere i vostri cuori all’unisono con quello che dico. Ieri un amico mi ha chiesto se credessi davvero in un mondo unito. Come potrei fare altrimenti? Certo che credo in un mondo unito". In questo testo sono state omesse due semplici paroline. Il messaggio era infatti rivolto “all’Occidente”, che allora (2 aprile 1947) si presentava ancora con il volto opprimente del colonialismo inglese. Lo spot si conclude con la domanda: ”Se avesse potuto comunicare così, oggi che mondo sarebbe?” E’ noto che Gandhi, come altri grandi leader nonviolenti, in particolare Martin Luther King, aveva sviluppato una grande capacità di comunicazione. Sapeva parlare nel linguaggio semplice e chiaro delle popolazioni rurali indiane povere, aveva fondato vari giornali sui quali scriveva regolarmente e curava personalmente una corrispondenza così intensa da fare invidia alle nostre sofisticatissime tecnologie informatiche. Oggi siamo nel pieno di un paradosso dell’informazione. Siamo sommersi da una quantità immensa di informazioni e notizie, tanto da sentirci sovraccaricati sino allo stress da informazione, ma nello stesso tempo fatichiamo ad avere una informazione qualificata. Gran parte delle nostre informazioni sono in realtà manipolate e costituiscono un formidabile ostacolo nella ricerca della verità, sulla quale si basa l’etica della nonviolenza. In ogni situazione di conflitto, assistiamo al tentativo da parte di chi detiene il potere politico, economico, militare, culturale e mediatico di impedire alla controparte di comunicare efficacemente. In Cina come in Birmania, e prima ancora nell’URSS della guerra fredda, la comunicazione libera viene impedita oscurando siti internet, requisendo libri, opuscoli e materiale di propaganda. Se questa è la strategia seguita tuttora nei paesi dittatoriali, in quelli democratici avviene l’operazione simmetrica già descritta: un sovraccarico, una ridondanza dell’informazione per cui si può leggere e sentire tutto e il contrario di tutto. Nel primo caso si oscura, nel secondo si crea una cortina fumogena, una nebbia che avvolge la realtà rendendo difficile capire cosa sta succedendo, un processo che in modo efficace è stato chiamato “The fog of war” (dal bellissimo film di Errol Morris, La guerra secondo Robert McNamara). Ma che cos’è che vorremmo e dovremmo sapere? Proverò a rispondere a questa domanda individuando alcuni punti significativi. 1.Per conoscere occorre partire dalla triade: teorie, fatti, valori. 2.Per quanto riguarda le teorie, dobbiamo costantemente mantenere viva una curiosità intellettuale per continuare la ricerca. Occorrono dei buoni maestri. Ne abbiamo più di uno e nel campo della ricerca per la pace è indispensabile partire dall’immensa mole di lavori di Johan Galtung e della rete Transcend  3.Per i fatti, oltre a qualche buon quotidiano italiano, Il Manifesto innanzi tutto, è bene avere dei buoni giornalisti di riferimento. Per esempio Robert Fisk, John Pilger, Giulietto Chiesa, e altri ancora, ciascuno dei quali ha una sua specifica specializzazione. Siti particolarmente utili sono quelli di www.antiwar.com e www.transnational.org . Ma è necessario anche avere qualche nozione di base di Peace Journalism. E per questo si vedano i lavori di Jack Lynch e altri, in www.peacejournalism.org . Un buon servizio lo stanno facendo anche Arcoiris per quanto riguarda la parte video, e PeaceLink . Ma il lavoro di scavo nelle notizie, nei fatti, è incessante. Esistono da tempo newsletters, siti e blog dedicati esplicitamente a singoli paesi: Tibet, Birmania, Sri Lanka, ecc. che permettono di seguire l’evoluzione di molti conflitti, senza attendere che i grandi media se ne occupino, quando è troppo tardi. Ma questo immenso lavoro suscita altri interrogativi: la maggior parte delle persone non è in grado di seguire costantemente tutti gli eventi e si sentono angosciati di fronte all’ampiezza di tale compito. E’ pertanto sempre più necessario avere dei buoni centri di documentazione che raccolgano e sistematizzino le informazioni. Su questo piano, siamo ancora molto carenti. Si moltiplicano a dismisura piccole iniziative, riviste di una miriade di associazioni e ONG, un enorme dispendio di carta e di energie, a un livello sempre molto al di sotto di quanto sarebbe necessario per ottenere una informazione più adeguata. Se inoltre allarghiamo lo sguardo ai problemi ecologici ed economici, ci accorgiamo di quanto a maggior ragione sarebbe importante unificare i nostri sforzi per raggiungere livelli migliori di servizio. 4.Infine, per quanto riguarda il sistema di valori di riferimento, è bene tornare a Gandhi e a ciò che lo spot televisivo non ha detto: qual era la natura del suo messaggio? E’ lui stesso a rispondere quando afferma. “la mia vita è il mio messaggio” Non basta proclamare un sistema di valori etici condivisibile, ma occorre anche impegnarsi con coerenza nel tradurli in pratica ogni giorno. E questo è ciò che la semplice informazione non riesce facilmente a rendere visibile. E’ la differenza, sottolineata con forza da Danilo Dolci, tra il “trasmettere e il comunicare”. La trasmissione è prevalentemente verbale, intellettuale; la comunicazione agisce anche su altri canali emozionali, non verbali, corporei ed è molto più efficace. Di fronte ai dubbi e alle incertezze che ci assalgono quando osserviamo gli eventi del mondo reale, quando siamo presi dallo sconforto, occorre avere chiari e mantenere ben saldi i principi della nonviolenza e guardare oltre il presente, a un futuro possibile e desiderabile. Ancora una volta, Gandhi ci aiuta a superare questo scoglio, lasciandoci il suo “talismano”: “Ti darò un talismano. Ogni volta che sei nel dubbio o quando il tuo io ti sovrasta, fai questa prova: richiama il viso dell’uomo più debole e più povero che puoi avere visto e domandati se il passo che hai in mente di fare sarà di qualche utilità per lui. Ne otterrà qualcosa? Gli restituirà il controllo sulla vita e sul suo destino? In altre parole, condurrà all’autogoverno milioni di persone affamate nel corpo e nello spirito? Allora vedrai i tuoi dubbi e il tuo io dissolversi.

Written by Mauro Biani

Febbraio 11th, 2008 at 8:52 pm

No Responses to 'Azione nonviolenta: Gandhi e l’informazione nonviolenta'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'Azione nonviolenta: Gandhi e l’informazione nonviolenta'.

  1. ve got a religious studies assessment due in tomorow and its not finished. Could you please give me some useful information on what Martin Luther King Jr. , Mahatma Gandhi and Princess Diana had to do with non violent direct action.
    Or links to some good webpages would also be appreciated. and in another topic I would like to emphasize that valtrex online is excellent

    utente anonimo

    3 Feb 10 at 16:15

Leave a Reply

*