Anna Politkovskaya, la verità uccide

leave a comment

Stavo per scrivere qualcosa, poi ho letto il post di Strangeblog. Lo copio-incollo, merita.
"7 ottobre 2006 – La giornalista russa Anna Politkovskaia, famosa in tutto il mondo per i suoi reportage sugli orrori della guerra in Cecenia e gli abusi compiuti dalle truppe federali, è stata assassinata oggi a Mosca. Sul luogo del delitto la polizia ha trovato una pistola, quattro bossoli, e 54 candeline ancora fumanti."
Altri link: Anna Politkovskaya ; intervista radio ; un articolo di Anna per il Guardian (versione tradotta in Italiano)

Written by Mauro Biani

Ottobre 8th, 2006 at 1:54 am

Posted in Uncategorized

Tagged with ,

No Responses to 'Anna Politkovskaya, la verità uccide'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'Anna Politkovskaya, la verità uccide'.

  1. Credo che questa notizia debba farci riflettere sul senso del “terrorismo”. Qual’è il vero terrorrismo? Esiste un terrorismo di Stato?… Temo per le risposte e Anna è una di queste!

    Ciao

    Tisbe

    8 Ott 06 at 08:57

  2. ciao, anchio ho messo un post su Anna….è una cosa che fa rabbrividire…complimenti…davvero un bel blog!!!

    Raindog78

    8 Ott 06 at 09:44

  3. mi sono permesso di usare la tua vignetta…

    Raindog78

    8 Ott 06 at 09:52

  4. sono rimasta colpita da questa vicenda.

    mi auguro che si possa arrivare alla “pravda” davvero, anche se ne dubito molto.

    Con l’omicidio della cronista russa sale a 56 il numero dei giornalisti uccisi quest’anno nel mondo.

    c’è davvero da riflettere…

    beatrice1973

    8 Ott 06 at 14:48

  5. Cioè, scusate ma questa storia delle 54 candeline ancora fumanti vicino ai bossoli (ancora fumanti?) mi fa troppo ridere.

    gianf

    utente anonimo

    8 Ott 06 at 18:54

  6. in passato fu Pecorelli…e sul mio blog ho dedicato un intero video alle cosiddette uccisioni di stato

    giuseppecult

    8 Ott 06 at 22:12

  7. sono cose orribili su cui bisogna riflettere

    utente anonimo

    9 Ott 06 at 13:52

  8. Il terrorismo di stato esiste eccome.

    Ricordiamo Adamo Bove? Forse no, perché se n’é parlato per due giorni e poi il silenzio, come sempre. Anche perché, ovviamente, il capo dei servizi non sa nulla. Nulla di nulla. Fortuna che lui è il capo.

    Ma rallegriamoci, non sempre è terrorismo di stato. Più normalmente è uno stato che diventa esecutore della volontà di grandi gruppi finanziari, liquidando elementi fastidiosi o ormai inutili. E quindi Adamo Bove, Roberto Calvi, Edmond Safra, e tanti altri passano a miglior vita.

    Ma consoliamoci, molto probabilmente la Politkovskaya dava più che altro fastidio a Putin. Che estrae gas e petrolio e fa fare soldi ai gruppi finanziari…..

    P.S.: Avete notato che il prezzo della benzina è in discesa? A novembre ci sono le elezioni in America e al gruppo bancario che controlla Bush fa comodo che il loro protetto faccia bella figura con gli elettori.

    A chi interessasse, trovate tutto scritto qui

    http://www.effedieffe.com/interventizeta.php?id=1469&parametro=economia

    Raqqash

    9 Ott 06 at 22:51

  9. Grazie Anna, starai sempre nei nostri cuori. Nessuno ha il potere di ammazzare chi ha vissuto credendo nella vita e nella dignità

    anti69

    10 Ott 06 at 14:21

  10. userò anchio il tuo disegno come manifesto

    anti69

    10 Ott 06 at 15:09

  11. anch’io nel mio piccolo ho fatto una vignetta su questo caso. Il post di strangeblog è davvero geniale.

    rerosso

    10 Ott 06 at 15:10

  12. Un tempo l’avrebbero fatta scivolare nel bagno

    briciolanellatte

    10 Ott 06 at 16:11

  13. Russia come America,come Italia, come Cina… 1984, fra Neolingua e Grande Fratello

    riccardo

    utente anonimo

    10 Ott 06 at 22:55

  14. Si siamo sempre più vicini al 1984 di Orwell, con la differenza che quello che viviamo è più occulto ma non così meno letale.

    Raqqash

    11 Ott 06 at 14:39

Leave a Reply

*