A proposito di “grida di Dio”: la denutrizione infantile

6 comments

Tommaso è il classico bambino che non mangia. Cioè non prova gran gusto nel mangiare. Il mangiare come lavoro, con la mamma che incalza e più lo incalza e più diventa lavoro. E allora il cartone o la favola rende meno faticoso il suo lavoro. Solo che alcune favole, spesso, sono ad uso e consumo delle nostre tavole, ‘che basta girare lo sguardo pel mondo, ed esce un lupo, quando meno te l’aspetti.
Il rapporto UNICEF Progress for Children lancia l’allarme: il mondo rischia di fallire nella lotta alla denutrizione infantile. New York, 2 maggio 2006 – Più di un quarto di tutti i bambini sotto i 5 anni dei Paesi in via di sviluppo sono sottopeso, molti a un punto tale da metterne a rischio la sopravvivenza, avverte un rapporto presentato il 2 maggio dall’UNICEF. Le carenze nutrizionali continuano a pesare come un’epidemia globale, contribuendo a oltre la metà di tutti i decessi infantili, che ogni anno superano i 5,6 milioni di morti. (continua la lettura del rapporto, sul sito dell’Unicef)

Written by Mauro Biani

Maggio 31st, 2006 at 4:08 am

6 Responses to 'A proposito di “grida di Dio”: la denutrizione infantile'

Subscribe to comments with RSS or TrackBack to 'A proposito di “grida di Dio”: la denutrizione infantile'.

  1. STUPENDA.

    angusto

    31 Mag 06 at 17:15

  2. Presi come siamo dal nostro egocentrismo quotidiano, bene hai fatto a ricordare questi numeri.

    kneff

    31 Mag 06 at 22:24

  3. E la cosa peggiore è che a fronte di tutto ciò c’è anche un quarto di bambini gravemente sovrappeso… Qua bisogna ridistribuire!

    Spyrocomics

    1 Giu 06 at 12:50

  4. spot on!

    Ninando

    3 Giu 06 at 01:18

  5. Ciao, ho inserito questa tua vignetta su un post del mio blog.

    Fammi sapere, per favore, se posso lasciarla.. ciao!

    http://www.savetherabbit.net/main/?p=143

    utente anonimo

    21 Giu 06 at 15:40

  6. Povero lupo.

    MrGloomy

    20 Ott 07 at 22:25

Leave a Reply

*